Crostate Careliane – Karjalanpiirakka

Ricordo di un bellissimo viaggio in Finlandia, esattamente nel periodo natalizio. Impossibile parlare di cucina finlandese senza menzionare la famosa “piirakka careliana”! (Crostate Careliane).

Crostate Careliane (

) Sono così conosciute che hanno persino una loro pagina su wikipedia, sono graziose crostate di segale, salate, con ripieno di riso o patate, ma a volte anche con carote o mele. Tradizionalmente provengono dalla Carelia, una regione condivisa tra Russia e Finlandia. È anche un piccolo snack molto apprezzato, facile da preparare in casa, anche se per realizzare la graziosa forma richiede dita agili… vi propongo la ricetta! 🙂

Ingredienti per sei pezzi:

  • 65g di patate
  • 3 dl di acqua
  • poco più di 4 dl di latte
  • 1 grand c. a c. sale
  • 120 g di farina di segale
  • 70 g di farina di frumento
  • 150 g di burro semi-salato (a temperatura ambiente)
  • 1 uovo

Preparazione:

Cuocere le patate con 2 dl di acqua e 4 dl di latte.

Mescolare il resto dell’acqua (1 dl) con il sale e i due tipi di farina. Impastare a mano l’impasto ottenuto, e regolare la quantità di acqua e farina di segale con tocchi leggerissimi: l’impasto non deve aderire alle mani, ma deve essere flessibile.

Fare una salsiccia lunga con l’impasto, quindi dividerla in sei parti uguali. Prendi uno dei pezzi, fai una pallina e poi stendila per formare un disco di 15-20 centimetri di diametro. La difficoltà è che questo disco deve essere sottile come un foglio di carta al centro, ma un po’ più spesso (circa 1 mm) sui lati. I finlandesi usano per questo un mattarello a forma di fuso.

Mettere circa 1 cucchiaio di purè di patate al centro dell’impasto. Quindi, modellare le piccole “barchette” che sono la forma caratteristica di queste tortine. Inizia dal basso, unendo le parti sinistra e destra sulla metà inferiore dell’impasto. Ripiega l’estremità più piccola del fondo. Quindi, pizzicare delicatamente i lati dell’impasto per formare piccole creste distanziate circa lo spessore di un dito. Termina piegando la parte superiore come era la parte inferiore.

Procedere in questo modo con ciascuna delle crostate, infornarle nella metà inferiore di un forno preriscaldato a 225° per una decina di minuti. Le piccole creste non dovrebbero scurirsi troppo, ma la parte superiore dovrebbe essere ben dorata.

Mentre le crostate cuociono, schiacciare insieme il burro e l’uovo sodo in una piccola ciotola con una forchetta.

Quando le crostate sono cotte, immergetele una ad una in un piattino pieno di latte, davanti e dietro, ogni volta per qualche secondo. Questo dovrebbe essere fatto mentre sono ancora calde, ma fai attenzione a non scottarti!

E ora è pronto! La crostata è la più comune e si mangia dopo averla spalmata con il composto di uova e burro. Ma altre variazioni sono possibili sullo stesso modello. Oltre a sostituire il purè di patate con un misto di carote o porridge, puoi anche guarnirli con panna fresca e salmone affumicato… Assolutamente delizioso! Ti consiglio anche un libro sulla cucina nordica.

::Buone Feste::

Commenti

mood_bad
  • Ancora nessun commento
  • Aggiungi un commento